"Questione Cotugno"

Slitta la ripresa delle lezioni: si pensa ad una nuova sede

Prevista per lunedì 6 Febbraio, la ripresa delle lezioni al Liceo Cotugno tarda ancora, mentre si pensa ad una nuova sede.

L'Aquila. La ripresa delle lezioni al Liceo Cotugno era prevista per domani, ma il presidente della Provincia dell'Aquila, Antonio De Crescentiis, ha chiesto al sindaco del capoluogo della città, Massimo Cialente, un ulteriore stop di tre giorni delle attività didattiche del Liceo Cotugno. Solo nella giornata del 6 febbraio, infatti, saranno esaminati, dalla Commissione interistituzionale istituita lo scorso 31 gennaio, i risultati e le verifiche di carico statiche eseguite dalla ditta incaricata.
"Lunedì, dice il presidente della Provincia, procederemo ad una prima disamina della documentazione che sarà successivamente oggetto di valutazione e approfondimento da parte del Consorzio universitario ReLuis, per poter giungere alla definizione delle soluzioni che si riterranno necessarie".
In una lettera aperta alle istituzioni sottoscritta da 215 firme, "raccolte in poche ore tra la serata del 3 e la mattina del 4 febbraio", i genitori chiedono di sapere "l'esito delle prove di carico e di ogni altro esame svolto nel corso delle recenti verifiche; l'esito di eventuali altre prove di carico già effettuate in passato; l'esito degli interventi locali sulla struttura portante dell'edificio effettuati dopo il sisma del 2009".
Inoltre, chiedono di "individuare con la massima urgenza una sede provvisoria idonea a garantire la sicurezza degli studenti e di tutto il personale, nella quale riprendere il regolare svolgimento delle lezioni" dal momento che "fino a quando non saranno motivatamente smentiti, continueranno a fare fede sulla sicurezza dell'edificio i dati già in possesso della Provincia a seguito della verifica del 2013."
La nota è indirizzata al presidente della Provincia dell'Aquila, Antonio De Crescentiis, al sindaco del capoluogo, Massimo Cialente, al presidente della Giunta regionale, Luciano D'Alfonso (anche vice commissario per la ricostruzione) al direttore generale dell'ufficio scolastico regionale, Ernesto Pellecchia, al direttore dell'ufficio III - ambito territoriale della provincia dell'Aquila dell'ufficio scolastico, Rosella Parisse.
I 1.200 studenti dell'Istituto non vanno a scuola dal 18 gennaio scorso.
Una situazione piuttosto critica, per cui diventa sempre più fattibile l'idea di trasferire la scuola in un'altra sede, ancora da reperire, dove consentire agli alunni di concludere l'anno.

di MARTINA MOSCA

Categoria: